Privacy Policy Cookie Policy

sabato 24 febbraio 2018

NAPOLEONE BONAPARTE E GENGISTRUNZ ( l'assalto al FORTE DI BARD)

Ti ricordi di GENGISALEXIS, la valorosa, quanto abile spia Troiana (se non ti ricordi guarda questo articolo che racconta la sua impresa, ahhhhhhhahhhh).


Bene devi sapere che la dinastia dei GENGIS continuò e continuò, fino ad arrivare al periodo Napoleonico, quando una spia Austriaca ( appartenente al gruppo delle spie PIRLENSPIEN), di nome GENGISTRUNZ ebbe un ruolo fondamentale, ma che dico fondamentale,  storico, perché diede inizio ad un movimento attivista dei soldati omosessuali )e tra poco scoprirai il perché….

ASSALTO AL FORTE DI BARD

Siamo nel maggio del 1800 e le truppe di Napoleone hanno invaso Aosta e per procedere verso il Piemonte ( dove ebbe luogo la famosa battaglia di Marengo) si trovano di fronte il Forte  di Bard.
Al comando del generale Dupon c’è anche  un soldato particolare, con l’accento strano, non proprio francese, sospettoso, bizzarro, ma raccomandato dallo stesso console NAPOLEONE in persona.


In realtà questo soldato è una spia Austriaca mischiata ( e alla spia piaceva stare nel mucchio) alle truppe francesi, con il compito di destabilizzare l’assalto al forte di BARD. Ce  la farà….
Come puoi immaginare, assolutamente no, sarà un fallimento totale… ma NAPOLEONE terrà la sua foto incorniciata durante l’esilio nell’Isola di Sant’Elena…

Quando il capo delle spie Austriache, LORD TELEFICCHEN , ingaggiò la spia GENGISTRUNZ, si raccomandò bene: “ Mi raccomando spia, non fare come il tuo avo GENGISALEXIS ai tempi di Troia, cerca di non deluderci, è una missione che avrà un risvolto storico fenomenale, tutte le donne Austriache te ne saranno grate. Ma a GENGISTRUNZ delle donne,….. non gliene fregava granché….

Il compito di GENGISTRUNZ , doveva essere quello di fare entrare i cannoni dell’Armata Napoleonica dentro il Forte di Bard   ( con l’aiuto di alcuni complici, pagati in BAGUETTE, anche se ancora non era stata chiamata cosi). Poi una volta fatti entrare ne Forte, avrebbe dovuto caricarli e la vittoria sarebbe stata asssicurata…

 NAPOLEONE INNAMORATO

Ma , sette mesi prima GENGISTRUNZ fu ospite casuale presso NAPOLEONE BONAPARTE e … per il carisma, quel gesto di mettere la mano sul petto, insomma quella persona gli entrò nel cuore: se ne innamorò follemente e lo dichiarò al CONSOLE, il quale subito tentennò, ma alla fine anche il suo cuore cedette….
Ecco quindi cosa accade:

 L'AMORE TRIONFA

Quel giorno il generale Chabran ordinò la resa al comandante Bernkopf, ma egli rifiuta, sapendo che sarebbe intervenuta la grandissima e ineffabile GENGISTRUNZ..
GengiStrunz spia di Napoleone Bonaparte

Ed infatti la spia agì…. Con l’aiuto dei complici riuscì a fare entrare dentro il FORTE i cannoni. Li piazzò su tutti i lati, pronti a sparare.  Ed iniziò a caricarli….
Ok … arrivo il momento di utilizzarli…il comandante ordinò il fuoco, ma dalla bocca dei cannoni uscirono
PETALI DI ROSA E UN URLO: “NAPOLEON… JE T’AIME…..”


Fu così che GENGISTRUNZ presagì la famosa frase di D’ANNUNZIO:”Mettete dei fiori nei vostri cannoni”.
Anni dopo quando NAPOLEONE fu esiliato sul comodino della sua cameretta c’era un quadretto con la foto di GENGISTRUNZ     ( che nel frattempo divenne popolare tra i Francesi, noto sotto il nome di JAMBELONGUE),  prima di addormentarsi usava sempre dare un bacio a quell’uomo e pronunciare una delle sue famose frasi:
“LA SOLA VITTORIA CONTRO L’AMORE E’ LA FUGA”.
Ecco questo è un episodio della storia Napoleonica e scommetto che non lo sapevi, vero?

Grazie GENGISTRUNZ, sei restato nel cuore di qualcuno…. Tanto poi ci pensarono i Russi…..ma questa è un’altra storia…..

Alla prossima avventura con la dinastia dei GENGIS....

A proposito, ti ricordi di GENGISALEXIS? no.? allora leggi qui....

 






4 commenti:

  1. Che dire...troppo simpatico! Mi è sembrato di leggere una vignetta di satira dell'epoca napoleonica! Aspetto il prossimo capitolo di storia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie sono contento... la prossima storia avrà a che fare con Asterix e Obelix....

      Elimina
  2. ahah ma è bellissimo questo racconto :) adesso vado a leggere anche gli altri :)

    RispondiElimina